animalitas, il postumano

Il ciclo di Wilson

Non sa per nulla cosa vuol dire morire, tantomeno ha coscienza di quel cambiare aria ai polmoni definito ‘vita’. È probabilmente ora di mangiare: sente una sensazione di disagio ma non sa ancora chiamarla fame. Esce dalla grotta e corre nel bosco, perdendosi in una fitta teoria d’alberi: mentre si guarda attorno qualche piccolo animale lo punge, pochi passi dopo è costretto a fermarsi. S’accascia.

*

Lei lo raggiunge molto più tardi, per niente allarmata, quando la Grande Luce s’è spenta e riaccesa più volte. Lo trova: lo tocca e lo scuote più volte perché si svegli. Ma lui non si sveglia, e non si muove. Lei torna alla grotta, sapendo che lui è là, in fondo al bosco, immobile, in una fitta teoria d’alberi.

1 pensiero su “Il ciclo di Wilson”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...